Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

26/04/1970 - Ultima di campionato, Torino porta in trionfo il Cagliari Campione!

Nella giornata che conclude la storica stagione del tricolore, Torino celebra i campioni rossoblù, rappresentanti di una squadra che aveva suscitato la simpatia di tutti i tifosi italiani

Condividi su:

Stagione 1969-1970. Lo scudetto è arrivato da due settimane in Sardegna ma il Cagliari non smette di festeggiare, tanta è la gioia per un miracolo sportivo difficilmente eguagliabile.

Nella settimana precedente a questa (la penultima di campionato), i rossoblù hanno fatto visita al Milan ma, nonostante gli applausi alla compagine di Scopigno per il tricolore appena conquistato, gli occhi di San Siro erano tutti concentrati sul neo Pallone d’Oro Gianni Rivera, a cui viene consegnato il trofeo poco prima dell’inizio della gara.

Il Cagliari per essere degnamente festeggiato in “continente”, dunque, deve aspettare la gara di Torino contro i granata, che si disputa oggi, nella giornata conclusiva di questa magica serie A. Tutti i sardi del nord Italia (e non solo, circa 20.000 in tutto) accorrono al “Comunale” per salutare, celebrare e festeggiare uno scudetto storico. Ma non sono solo i tifosi isolani a festeggiare perché anche il Torino ci tiene a rendere omaggio ad una squadra che ha conquistato tutti i tifosi italiani, organizzando uno spettacolo con ballerini in costume sardo prima della partita e distribuendo medaglie d’oro ai rossoblù.

E il Cagliari non può che congedarsi dal campionato dei record se non regalando un grande spettacolo ai torinesi: a fine primo tempo i rossoblù sono avanti di tre reti, grazie alle marcature di Domenghini e ad una doppietta di Riva, che raggiunge quota 21 gol nella classifica marcatori, cifra che gli permette di laurearsi miglior capocannoniere per la terza volta (in realtà avrebbe vinto anche senza questi due gol, visto che il secondo in classifica, Vitali del Vicenza, è a 17 gol). Gori, al 3’ della ripresa, sigla il definitivo 0-4.

Snoccioliamo qualche record: minor numero di gol subiti, solo 11 (record ancora imbattuto, ma quel campionato era a 16 squadre); miglior rendimento in casa e in trasferta, all’andata e al ritorno; maggior numero di vittorie, 17 e minor numero di sconfitte, 2.

E, ovviamente, il capocannoniere della serie A come punta di diamante che, probabilmente, avrebbe meritato anche di ricevere quel Pallone d’Oro consegnato al rivale rossonero appena una settimana prima. Ma questa è un’altra storia.

Ecco le formazioni:

TORINO: Pinotti, Poletti, Agroppi, Puia, Bolchi, Ferrini, Carelli, Sala, Quadri, Moschino, Mondonico. – All. Cadè.

CAGLIARI: Albertosi (25’st Reginato), Martiradonna, Mancin, Cera, Niccolai (25’ st Zignoli), Nenè, Domenghini, Brugnera, Gori, Greatti, Riva. – All. Scopigno.

ARBITRO: Vacchini di Milano.

RETI: 12’ pt Domenghini, 29’ e 38’ pt Riva, 3’ st Gori.

Condividi su:

Seguici su Facebook