Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

24/09/1967 – Brescia, dopo 6 mesi rientro amaro per Riva: sconfitta, botte e cartellino rosso!

Dopo il lungo infortunio torna in campo il bomber di Leggiuno: la partita è epica, accade davvero di tutto, rissa compresa. Ecco la cronaca

Condividi su:

Stagione 1967/1968. Il Cagliari è reduce da un campionato terminato al sesto posto e dall’avventura in quello americano disputato con i Chicago Mustangs, conclusosi al terzo posto. Manlio Scopigno, che aveva allenato i rossoblù nella stagione precedente, ma che era stato esonerato al termine dell’avventura made in Usa, è stato sostituito da Ettore Puricelli.

La squadra è praticamente invariata rispetto al campionato precedente ma c’è una novità sostanziale: Gigi Riva, infortunatosi il  27 marzo di quello stesso anno durante un’amichevole tra Italia e Portogallo, che si stava disputando allo stadio Olimpico di Roma, torna a pieno regime tra i ranghi della squadra rossoblù (piccola curiosità: quando Rombo di Tuono si infortuna è capocannoniere con 18 gol in 23 partite, a 11 giornate dal termine del campionato. Quella classifica la vincerà comunque Riva, in quanto nessuno dei suoi “avversari” sarà in grado di raggiungerlo).

Oggi, 24 settembre, è la prima giornata del campionato di serie A: il Cagliari è ospite del Brescia, allenato da Azeglio Vicini, che aveva terminato la stagione precedente al tredicesimo posto. Il protagonista di quella gara è, neanche a dirlo, Gigi Riva, ma non per i suoi gol: il bomber è colpevole di un fallo a gioco fermo su Frezza, a cui rifila un pugno nello stomaco per vendicare il fallo che lo stesso Frezza aveva poco prima commesso su Rizzo. A seguito del fallo del centrocampista bresciano (al suo debutto in serie A) scoppia una rissa in cui Rombo di Tuono subisce dei colpi proibiti da parte di D’Alessi.

L’arbitro dell’incontro, in signor Angonese di Mestre, vede solo il fallo di Riva e lo espelle: per I’attaccante rossoblù si prospettano due settimane di squalifica.

Torniamo alla gara: i sardi passano in svantaggio praticamente subito quando, al 1’, Mazzia supera Reginato portando i suoi avanti. Al 50’ Boninsegna ristabilisce la parità ma è ancora Mazzia, al 69’, a fissare il risultato sul 2-1 per le rondinelle.

Al termine di quella stagione i lombardi retrocederanno in serie B mentre i rossoblù termineranno al nono posto in classifica.

Ecco le formazioni:

Brescia: Brotto, Vitali, Mangili, Casati, Frezza, D’Alessi, Salvi, Rizzolini, Nardoni, Mazzia, Gilardoni. All. Vicini.

Cagliari: Reginato, Longo, Vescovi, Longoni, Martiradonna, Cera, Greatti, Nenè, Rizzo, Boninsegna, Riva. All. Puricelli.

Arbitro: Angonese di Mestre.

Reti: 1’ Mazzia, 50’ Boninsegna, 69’ Mazzia.

Condividi su:

Seguici su Facebook