Stadio, Farris: "Zedda e Silvestrone dicano la verità. Basta tragicommedie" I dettagli

Nuovo duro attacco del Consigliere Comunale di Forza Italia

pubblicato il 28/04/2014 in News da fonte: castedduonline.it
Condividi su:
fonte: castedduonline.it
Lo stadio Sant'Elia

Ancora polemiche sulle trattative su stadio e società rossoblù tra Comune e un misterioso fondo americano che vorrebbe investire a Cagliari. Ancora troppi dubbi e incertezza sulla questione, a detta del capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Giuseppe Farris. “Buio fitto sul futuro della società e sullo stadio – scrive Farris in una nota -  dove giocherà la squadra il prossimo anno? Il rischio di un’ennesima emigrazione forzata, senza un impianto in regola da 16 mila posti,  è sempre più forte e i segnali che arrivano non lasciano ben sperare. Anzi: la partita che si gioca tra Comune e Luca Silvestrone è nata e si sviluppa in maniera poco chiara”.

E poi Farris giustifica i suoi dubbi ripercorrendo il passato di Silvestrone, l’imprenditore romagnolo ingaggiato dal gruppo americano come intermediario delle trattative con l’amministrazione.  “Possiamo solo sperare che ‘gli americani’ non si comportino come fecero a Sulmona, in occasione della presentazione del progetto flop per il nuovo stadio nella città abruzzese – continua il capogruppo di Fi - L’architetto di Detroit Matt Rossetti, che Silvestrone aveva detto essere partecipe dell’operazione, ha di recente affermato alla stampa: ‘Il manager sparì dopo che gli chiedemmo un incontro formale’. Il presidente del Cagliari Massimo Cellino, a precisa domanda sui suoi rapporti con Silvestrone, ha risposto: ‘Non lo conosco’. ‘L’emissario’, quando fallì il progetto abruzzese Solimi, se la prese con ‘ostacoli della politica’. Adesso, attraverso i social network, adotta la stessa strategia, cercando di denigrare chiunque sollevi legittimi dubbi. Qui non si vuole ostacolare alcuno sviluppo, tanto che allo stesso Silvestrone ho dato la mia disponibilità per un incontro da lui richiesto, per discutere del futuro del Sant’Elia. Ma quell’incontro, manco a dirlo, non si è tenuto, e non certo per mia volontà.

Nessun ostacolo preconcetto, ribadisco. Ma Cagliari non può stare dietro a dei fantasmi come sembra fare il sindaco Massimo Zedda, primo responsabile di questa situazione grottesca. Basta con questa tragicommedia, si faccia chiarezza una volta per tutte: se esiste, si faccia il nome della società americana, si renda noto il progetto di investimento e quello per il nuovo stadio”.